AGENZIA STAMPA MH
 

 

 

 

 

 


Forlì Basket

 

 

 

Carroll.jpg

CARROLL A FORLÌ

Ottimo e perfetto acquisto da parte della Pallacanestro 2015 del primo dei due giocatori americani. La società forlivese ha infatti acquisito l'ala piccola di 198 centimetri Jeffrey Carroll, importante realizzatore dalla lunga distanza, nato ad Alexandria, in Virginia, il 6 novembre 1994. Il suo percorso di crescita è passato dal prestigioso College di Oklahoma State, dove nella stagione 2016/2017 ha viaggiato a oltre 17 punti di media ed il 44% da tre punti. Dall’estate 2018, entra nel “mondo Lakers”, prima disputando con questa maglia la “Summer League” di Las Vegas e poi scendendo in campo in G-League con la franchigia affiliata ai gialloviola, i South Bay Lakers. Nell’estate 2019 si trasferisce in Europa, dove firma a Bergamo e chiude la stagione a 17.9 punti e 6.3 rimbalzi di media a partita, numeri importanti, che valgono la chiamata di Treviso in Serie A. Con la De’ Longhi gioca 14 partite (quasi 6 punti di media a gara), prima del trasferimento a Biella, dove ha un impatto notevole in termini numerici e di leadership. I tifosi biellesi sostengono che sia stato lui che da solo ha salvato la squadra dalla retrocessione. Tra Regular Season, orologio e playoff, in Piemonte viaggia a 21.4 punti, 5.5 rimbalzi, 2.7 assist, tirando con il 39% da tre punti e vincendo anche il premio “Bomber del Mese LNP” per il maggior numero di tiri da tre punti segnati nel mese di febbraio 2021. Carroll si è subito dichiarato entusiasta di giocare in Romagna: " Sono veramente entusiasta per questa nuova avventura e per la programmazione che mi ha illustrato la Società, dopo il percorso fatto negli ultimi anni. Non vedo l’ora di iniziare, di conoscere di persona i miei nuovi compagni e lo staff tecnico, lavorando ogni giorno per migliorare e anche per divertirci insieme. Oltre a questo spero di conoscere presto i tifosi di Forlì, caldi e appassionati: sappiamo come è andata la stagione scorsa, però sono consapevole che i tifosi sono una parte importante soprattutto nelle gare in casa, e saranno per noi una carica in più”. Di buon auspicio il commento di coach Sandro Dell'Agnello: Inseriamo un giocatore che ha sicuramente un potenziale importante, che gli ha permesso un rendimento elevato nelle due stagioni giocate nel nostro campionato: sono certo che con il lavoro potrà dare molto anche in un contesto più esigente come lo sarà la nostra squadra. Soddisfazione per il presidente Giancarlo Nicosanti: Carroll è il 3 ideale nella squadra che stiamo costruendo. Si tratta ancora di un inserimento di un ragazzo giovane (è un 1994) ma già con 2 anni di esperienza tra A2 e A1 e con grandi potenzialità di crescita ulteriore”. Naturalmente soddisfatto il GM Renato Pasquali: Carroll è il 3 ideale nella squadra che stiamo costruendo. Si tratta ancora di un inserimento di un ragazzo giovane (è un 1994) ma già con 2 anni di esperienza tra A2 e A1 e con grandi potenzialità di crescita ulteriore”. Ora manca solo il secondo americano, l'ideale sarebbe Jason Clark, a Torino nello scorso campionato, guardia di 190 cm., ottimo realizzatore (prima di Torino ha giocato a Varese in serie A realizzando una media a partita di 16 punti, con 3,6 rimbalzi e 4,5 assist).

 

Benvenuti.jpg 

BENVENUTI A FORLÌ

La società forlivese di basket ha concluso l'acquisto di Lorenzo Benvenuti, ala-centro di 2.07 per 106 chili. Benvenuti è nato a Firenze il 29 aprile 1995; cresce a livello cestistico nel settore giovanile della Don Bosco Livorno, con cui fa il suo esordio tra i senior nel 2012-13 in DNB, restandovi anche nel campionato successivo: prima stagione da 6,6 punti e 2,6 rimbalzi in 15’, seconda in crescita da 10,9 punti e 4,8 rimbalzi in 23’. Nel 2014-15 passa alla Fileni Jesi in A2 dove viene utilizzato come cambio del centro. Poi gioca due anni a Ferentino, mentre nel 2017 approda alla Viola Reggio Calabria (serie A2), un'annata che chiude con 6,3 punti e 2,7 rimbalzi in quasi 17’. La consacrazione arrivava poi a Bergamo l’anno seguente allenato da Sandro Dell'Agnello, dove ha fatto registrare 10,8 punti e 3,2 rimbalzi in 24’. Nel campionato 2019-20 segue il coach labronico all’Unieuro Forlì dove si tiene sugli 8,7 punti e 4 rimbalzi in 19’ con il 62%, il 25% da tre ed il 69% dalla lunetta. Nella passata stagione ha vestito la maglia della Givova Scafati e nell'annata al sud ha prodotto 10.8 punti e 3.2 rimbalzi in 24' tirando con il 62% da due, con il 34% da tre e con il 76% dalla lunetta. Le prime parole di Lorenzo Benvenuti come giocatore della Pallacanestro 2015: “Sono felicissimo di tornare a Forlì in un ambiente che mi ha accolto bene e nel quale ho vissuto una stagione per me molto importante. Ritroverò con piacere Sandro e alcuni compagni con i quali abbiamo fatto una bella cavalcata, che purtroppo si interruppe con la sospensione del campionato. Ora torno con tanta gioia, all’interno di un progetto stimolante ed ambizioso, e sono sicuro che ci potremo togliere delle belle soddisfazioni". Anche il coach Sandro Dell'Agnello si è dichiarato felice di poter allenare per la terza volta Benvenuti: “Quello di Benvenuti è sicuramente un graditissimo ritorno perché si tratta di un giocatore super affidabile, che ha aggiunto esperienza e che sa stare nel gruppo. In campo non sarà forse appariscente ma si muove con grande efficacia sia in attacco, sia in difesa”. Naturalmente positive le dichiarazioni del presidente Giancarlo Nicosanti: “Per quello che riguarda il reparto lunghi il nome di Benvenuti era il nostro primo obiettivo e sono molto soddisfatto di essere riuscito a centrarlo. Parliamo di un giocatore che conosciamo benissimo, protagonista in A2 anche nell'annata trascorsa. Si tratta di un elemento giovane visto che ha appena 26 anni e che a Forlì può continuare il suo percorso di crescita”. Infine il commento del GM Pasquali: “Avevamo bisogno di aggiungere centimetri e chili mantenendo sia la pericolosità perimetrale, sia quella dentro l'area. L'arrivo di Benvenuti è la testimonianza dello sforzo che abbiamo fatto per mantenere il gruppo che negli ultimi due anni ha dato sicurezza, solidità alla squadra. L'acquisto di Lorenzo ci permette di riproporre un giocatore già protagonista con noi due anni fa, l'elemento che cercavamo perché può ricoprire il doppio ruolo di numero 4 e di numero 5 visto che potrà essere impiegato sia con Bruttini, sia con Natali, sia con Pullazi”. Quindi ora la formazione italiana è ormai completa, una compagine alta con Pullazi, Bruttini, Benvenuti e Natali coadiuvati da Giacchetti, Palumbo e Bolpin. Mancano i due americani che dovrebbero essere una guardia e un'ala piccola, ma che comunque dovranno essere dei buoni tiratori specialmente da tre punti. A noi viene in mente un nome che sarebbe ideale per la squadra romagnola, quel Dominique Johnson, grande realizzatore da lontano che ha lasciato Udine; o comunque un giocatore con gli stessi requisiti.

 

m.jpg

PALUMBO NUOVO PLAY

Finalmente una buona notizia per i tifosi di Unieuro basket, dopo l'inutile, fantasioso e fastidioso giro di nomi ipotizzati da certi quotidiani locali, Pallacanestro 2.015 annuncia ufficialmente l'acquisto di Mattia Palumbo, che giocherà con i biancorossi forlivesi la prossima stagione 2021-2022. Ottimo play-guardia di 198 cm., Mattia nasce a Roma il 23 settembre del 2000. Cresce cestisticamente nelle giovanili della Stella Azzurra con la quale nel 2014 e nel 2015 conquista due Scudetti Under 15 facendo anche il suo esordio in serie B. Fra il 2015 ed il 2016 colleziona anche 18 presenze con la nazionale Under 16. Nel 2017 prende parte agli Europei Under 18 e nel 2018 vince la medaglia di Bronzo al Torneo "Albert Schweitzer" di Mannheim con 32 punti nella vittoria contro la Russia. Agli Europei Under 20 del 2019 chiude con 6 punti e 4.6 rimbalzi di media in 16' con il 42% da tre. Dall'estate 2017 è un giocatore della Blu Basket Treviglio in A2 dove resta tre stagioni durante le quali vede aumentare minutaggio e media punti: 5 punti in 12' nel 2017-2018; 6 punti in 16' nella stagione successiva e 9 punti in 27' nell'annata 2019-2020. Nell'estate del 2020 passa alla Fortitudo Bologna con la quale disputa nove gare in serie A (3.7 punti e 3 rimbalzi di media in quasi 16') prima di essere mandato a fare esperienza in A2. Approda così alla Givova Scafati con la quale, partendo in quintetto, si tiene sui 6 punti, oltre i 6 rimbalzi e 4 assist di media in 23'. Mattia Palumbo si è dichiarato felice e entusiasta di approdare nella squadra forlivese: “Ho scelto Forlì per diversi motivi: da un lato so che giocherò per una società ambiziosa, aspetto dimostrato anche dai risultati e dalla crescita degli ultimi due anni. A questo aggiungo il fatto di avere sentito e percepito fin da subito l’interesse dei dirigenti e dell’allenatore, che ringrazio. Sono motivazioni importanti, che vanno ad aggiungersi al fatto di giocare per la squadra di una città che vive di pallacanestro e che trasmette calore nel quotidiano”. Naturalmente molto positivo anche il commento dell'allenatore Sandro Dell'Agnello: “Palumbo è un playmaker molto interessante che, a dispetto della giovane età, ha già fatto esperienze importanti. Capisce il gioco ed è molto bravo a creare vantaggi per sé e soprattutto per gli altri”. Entusiasta il presidente di Unieuro Giancarlo Nicosanti: “Quello di Palumbo era il primo nome sulla nostra lista. Fin da subito abbiamo dialogato con il giocatore e con il suo procuratore perché sapevamo che il suo nome era uno dei più ambiti di tutta la serie A2. Essendo del 2000 è ancora un Under e questo nonostante abbia già alle spalle quattro campionati di A2 nei quali ha disputato minuti importanti. Siamo molto felici di averlo con noi. E parlandogli, oltre allo spessore del giocatore sono stato contento di aver trovato anche l'uomo e questo ci fa ben sperare”. Infine le conclusioni del GM Renato Pasquali: “Abbiamo pensato a lui perché è un giocatore con grandi motivazioni che ragiona sempre in termini di crescita. Pensate che la prima informazione che ha voluto sapere è stata legata al programma di lavoro individuale che facciamo, un quesito che è la prima volta che ci sentiamo porre da parte di un nuovo giocatore. L'anno scorso nel ruolo di guardia avevamo un elemento che catturava una media di 6-7 rimbalzi a partita e viste le sue caratteristiche sono certo che Mattia potrà aiutarci molto da questo punto di vista. Il suo sarà un contributo in parte diverso rispetto allo stesso ruolo dell'anno scorso: meno punti ma più rimbalzi e più assist”.

 

d.jpg

UNIEURO IN DISARMO

C'è un vecchio detto che dice: "Quando la nave affonda i topi scappano". Si apprende che i due assistenti di Sandro Dell'Agnello hanno deciso di lasciare Forlì. Francesco Nanni ha scelto di accettare l'offerta di Scafati, dove sarà il vice del nuovo allenatore Alessandro Rossi. Mentre Danilo Quaglia tornerebbe a Roseto ad occupare il posto di primo allenatore. Così l'Unieuro dovrà ora risolvere anche il problema dello staff di Dell'Agnello, che si aggiunge a quello del gruppo dei titolari. La società forlivese sembra in difficoltà nel creare una formazione di alta classifica, così come, nei giorni scorsi, ha annunciato di voler fare. Si è fatta scappare Yancarlos Rodriguez, che ora ha già firmato un contratto con Treviglio, e che era un play da tenersi stretto. Dove troveranno i forlivesi un altro come lui, gran realizzatore da tre punti (in una partita realizzò 34 punti), ottimo e veloce portatore di palla e grintoso difensore. Un altro nome che sembrava poter arrivare a Forlì, Antonio Iannuzzi, ha pure già firmato un contratto con Mantova. Mentre nella città romagnola su Mattia Palumbo tutto tace, forse l'Unieuro pensa di ingaggiare Franco Flan, un playmaker di 182 cm., under, proveniente dalla serie C Silver, che con i Baskérs di Forlimpopoli è stato questo anno promosso in serie C Gold. Se ciò fosse vero, speriamo nei soliti nomi liberamente circolanti sui quotidiani locali, saremmo ormai al ridicolo. A questo punto è anche difficile capire che tipo di squadra voglia formare per il prossimo campionato e quale posto in classifica voglia occupare la formazione biancorossa.

 

b.jpg

BOLPIN RIMANE A FORLÌ

Pallacanestro 2.015 ha ufficialmente comunicato di aver rinnovato il contratto con Riccardo Bolpin, che vestirà la maglia biancorossa anche nella stagione 2021/2022. Guardia/Ala di 197 cm, Riccardo comincerà dunque il suo secondo anno con la maglia dell’Unieuro. Riccardo Bolpin, dopo la firma del contratto, ha dichiarato: Sono molto contento di avere rinnovato e quindi di potere continuare il mio percorso con questa maglia. Tra i tanti motivi che mi hanno spinto a rimanere c’è sicuramente il fatto che mi sono trovato bene in questa Società e che penso che questo sia il posto ideale dove potere ottenere risultati importanti. In più, ho ancora dentro di me l’amarezza per come è finita la scorsa stagione e ho tanta voglia di rivincita e di riprovarci. Per la prima volta in carriera, giocherò per la seconda stagione consecutiva con la stessa maglia e la serietà e l’organizzazione della Società sono stati fondamentali nella mia scelta”.

 

PRESENTAZIONE PULLAZI (1).jpgPRESENTAZIONE PULLAZI (5) (2).jpg

UNIEURO PRESENTA PULLAZI

Questa mattina, presso la sede di Casta Professional Cooking Equipment Forlì (rappresentata da Loretta Carbonetti), la società forlivese Pallacanestro 2015 ha presentato ufficialmente alla stampa il nuovo acquisto Rei Pullazi, ala/centro di 203 centimetri, nato a Roma e con doppia nazionalità italiana/albanese. Il cestista si è dichiarato subito entusiasta dell'approdo a Forlì: In questi pochi giorni ho ricevuto un calore incredibile: quando alcune settimane fa mi hanno informato della possibilità di venire a giocare a Forlì, non ho avuto dubbi. Giocherò per una piazza storica ed entusiasta, e credo di essere nel posto giusto, anche perché mi sento molto focoso e l’affetto della gente per me è fondamentale. Darò tutto me stesso in tutto quello che farò, in allenamento ed in campo. Questo è fuori dubbio. - ha proseguito Pullazi - Mi sono sempre adattato alle richieste degli allenatori: posso aprire il campo o andare spalle a canestro, ma farò quello che mi verrà chiesto a seconda delle situazioni. Oltre a questo, l’energia che metterò a disposizione della squadra non mancherà mai". Pullazi riferendosi poi alla sua recente esperienza nella Nazionale albanese ha commentato: "Abbiamo fatto le prequalificazioni mondiali, e questo mi ha dato modo di vivere anche una dimensione internazionale. Questa esperienza mi ha fatto crescere e affrontare giocatori di livello, avendo il compito di fare bene: è stato stimolante ed importante per me".  Positivo naturalmente il commento del presidente Giancarlo Nicosanti: "Il primo grazie va a Loretta Carbonetti per ospitarci qui, e per tutto l'entusiasmo che mette come amica e come Partner della Società. Venendo a Rei, abbiamo deciso di inserire un giocatore che porti maggiore fisicità ed atletismo al nostro roster, cercando quindi di migliorare quegli aspetti che per alcuni versi sono mancati lo scorso anno. Sono felice di dargli il benvenuto a nome di tutta la Società. Rei è un giocatore giovane e nel pieno della maturità: dal nostro punto di vista, se dimostrerà di volere continuare a migliorare come ha sempre fatto nel corso della sua carriera, penso che insieme possiamo toglierci davvero delle soddisfazioni importanti". Infine il commento del GM Renato Pasquali: "Voglio ringraziare Rei perché, dopo un primo avvicinamento di due anni fa, quest’anno ha scelto noi senza aspettare altre opportunità che sarebbero potute arrivargli. Mi fa piacere perché vuol dire che ha tante motivazioni, e credo che venga da noi per dimostrare il suo valore. Viene da un campionato “vero”, nel quale ha dovuto lottare in ogni partita fino all’ultimo, anche se per la sua vecchia squadra non è finito positivamente: i numeri importanti che lui ha collezionato, sono numeri reali, di un giocatore che si è messo a disposizione e ha sempre dato il massimo". Continuano intanto a circolare nomi sui quotidiani locali sui possibili ulteriori acquisti della società di basket di Forlì per il prossimo campionato. Sinceramente questa giravolta di nomi non fa che creare confusione e talvolta sconforto e delusione nei tifosi, ma i locali pur di vendere qualche copia in più lavorano spesso di fantasia. Per ultimo sembra, sempre per le ipotesi di cui sopra, che Pasquali si stia orientando per la conferma di Erik Rush, come uno dei due americani, che ora sarebbe in piena forma ma del quale, comunque, rimane il dubbio su quel mal di schiena che gli impedito di terminare lo scorso campionato. C'è da sottolineare che le scelte della società forlivese sugli americani negli ultimi anni non sono state delle più felici.

 

Rei Pullazi.jpg

UNIEURO ACQUISTA PULLAZI

L'Unieuro ha concluso l'acquisto dell'ala-centro di 203 cm. italo albanese Rei Pulazzi, che giocherà con i biancorossi romagnoli nel campionato di serie A2 2021/2022. Sinceramente di tutti i diversi nomi che erano circolati sul quotidiani locali negli ultimi giorni, quello di Pulazzi non ci sembra il più azzeccato. Pulazzi proviene infatti dalla squadra di basket di Bergamo, formazione che questo anno è retrocessa in serie B, dove senz'altro il giocatore avrebbe potuto disputare un ottimo campionato. Ma in serie A2 è tutt'altra musica anche se a Bergamo ha concluso l'annata della retrocessione con una media personale di 14,1 punti e quasi 7 rimbalzi a partita. I dirigenti della società forlivese sono comunque soddisfatti del buon esito della trattativa con il presidente Nicosanti che dichiara: "Il campionato di Serie A2 è sempre più competitivo, ed il livello tecnico e fisico sempre più alto. Dobbiamo avere l’obiettivo di adeguarci a queste esigenze, per competere con tutte le squadre. A tal proposito, siamo felici di inserire un giocatore come Rei, che ci darà una mano in tal senso: pur avendo tanti anni di esperienza in A2 è ancora giovane e con potenzialità di crescita ulteriore". Anche il general manager Pasquali commenta: "Siamo felici perché entrambi abbiamo voluto fortemente questo accordo: noi abbiamo scelto Rei, e Rei ha scelto noi. Ci eravamo già avvicinati due anni fa, ma oggi rendiamo ufficiale questo “matrimonio”. Rei è un professionista serio e maturo, che ha scelto il nostro progetto perché pensa sia importante per la sua crescita personale e vuole essere protagonista nel raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti”. Positivo naturalmente la precisazione  di coach Sandro Dell'Agnello: "Inseriamo un ottimo atleta, che ha fatto numeri importanti nel campionato e ha già acquisito una certa esperienza: sarà una pedina importante del nostro reparto lunghi". Pulazzi esprime soddisfazione per l'arrivo a Forlì, d'altronde con questo contratto si è risparmiato un campionato che a Bergamo avrebbe dovuto disputare in serie B: "Sono molto felice di avere firmato per Forlì, una piazza storica del basket italiano e con un pubblico caloroso e tra i più passionali della Serie A2 e non solo… Il solo pensiero di immaginarmi scendere in campo con il pubblico che sosterrà me e i miei compagni, mi fa venire i brividi!  In tantissimi mi hanno parlato bene di Forlì, e voglio ringraziare la Società e coach Dell’Agnello per l'opportunità che mi hanno concesso: sono pronto a ripagare la loro fiducia”. Insomma a Forlì nei giorni scorsi hanno girato molti nomi di giocatori pronti ad entrare nella squadra biancorossa, per ora di ufficiale c'è il solo Pullazi, mentre fra i nomi circolati come possibili acquisti, uno, Bucarelli, è già approdato nella storica piazza di Cantù, che retrocessa in A2 vuole evidentemente subito risalire nella massima serie. Ora a Forlì continua a girare il nome di Mattia Palumbo, play-guardia di 198 cm., che però interessebbe anche alla stessa Cantù. A questo punto pensiamo sia solo una questione di denaro. Quanto è verosimilmente disposta a spendere la società forlivese per  rinforzare la formazione e in che ruolo vuole essere protagonista nel prossimo campionato?.

 

p.jpg

COME PEGGIORARE

Percentuali di realizzazione nel tiro da tre durante l'ultimo anno del campionato di A2, appena concluso: Rodriguez 42%; Bolpin 40%; Miaschi 27%; Bucarelli 25%; Palumbo 20%; Pullazi 17%. Osservando questi dati ufficiali verrebbe da pensare che l'Unieuro basket di Forlì e il suo general manager Pasquali stanno facendo di tutto per creare una nuova ipotesi di squadra nettamente inferiore a quella della scorsa stagione. Non si comprende infatti perché la società forlivese non abbia voluto confermare e rinnovare il contratto a Yancarlos Rodriguez e a Riccardo Bolpin che, confrontando le prestazioni e l'età, erano gli unici due giocatori da tenere e da cui ricominciare per formare il nuovo team. Invece Pasquali e la società da lui rappresentata, tenendo conto delle voci circolanti ma non ancora ufficiali, stanno cercando di inserire nella nuova formazione romagnola dei nomi davvero mediocri (vedi sopra). Consideriamo per esempio Rei Pullazi, un'ala centro di 203 centimetri che ha una percentuale nel tiro da tre del 17%, nel tiro da due del 59% e nei tiri liberi dalla lunetta del 70%. Ci sembra più un giocatore da Serie B che da alta classifica di Serie A2, quell'alta classifica di cui hanno parlato il presidente Nicosanti e la dirigenza di Unieuro basket essere la meta del prossimo campionato. Tutti abbiamo potuto osservare come oggi per viaggiare nell'alta classifica di A2 sia importante la precisione in particolare nel tiro dalla lunga distanza; sono le squadre che hanno le migliori percentuali nel tiro da tre che possono ambire alle più alte posizioni di classifica. Una rinnovazione della squadra forlivese che, se così fatta,  farà senz'altro arrabbiare numerosi tifosi e che porterà la compagine biancorossa a disputare un difficile campionato nelle parti basse della classifica. Naturalmente, per il momento, si tratta di sole voci circolanti nell'ambiente e nelle redazioni dei giornali locali, senza per altro alcun riscontro o smentita ufficiale da parte della società, voci che comunque preoccupano e fanno sospettare che le finanze rimaste a disposizione, dopo l'appianamento di complessivi 600.000 euro e il conseguente pareggio dei conti, siano davvero poche.

 

CONFERENZA STAMPA UNIEURO FORLì (4).jpg

UNIEURO BASKET FORLÌ

L'Unieuro, la società di pallacanestro forlivese, ha, ieri venerdì 18 giugno, convocato una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente Giancarlo Nicosanti, il general manager Renato Pasquali e l'allenatore Sandro Dell'Agnello. Ci si aspettava, per lo meno, alcuni chiarimenti relativi al comportamento della squadra durante lo scorso campionato. La formazione forlivese dopo una prima parte conclusa al primo posto della classifica, è infatti crollata in un baratro collezionando sonore sconfitte, anche da squadre di bassa classifica, e terminando esclusa subito al primo turno dei play off. Invece la notizia più importante l'ha riportata il presidente Nicosanti, il quale ha ringraziato i soci della Fondazione che si sono attivati per ripianare e chiudere il bilancio con circa 500.000 euro, causati dai mancati incassi di abbonamenti e biglietteria, a cui vanno aggiunti altri 100.000 euro di spese per contrastare la pandemia. In questo modo la società forlivese potrà iniziare il campionato 2021/2022 senza debiti pregressi, garantendo una società solida per il futuro. Nicosanti ha poi spiegato che c'è un progetto per l'allargamento della base dei soci e che c'è stato un incontro con l'amministrazione comunale perché possa supportare la società nella ricerca di nuovi sponsor. Di notizie sullo scorso campionato e di nuovi progetti sull'acquisto di giocatori non è praticamente scaturito nulla, se non i ringraziamenti di Nicosanti a tutto lo staff Unieuro, sottolineando di non aver mai pensato di cambiare il quadro dirigenziale, perché avrebbe significato trovare un capo espiatorio. Insomma di colpe sull'andamento del campionato appena concluso non se ne parla. Rimangono sia Pasquali che Dell'Agnello e probabilmente anche i preparatori atletici. Pasquali parlando di Eric Rush dichiara che dopo l'infortunio subito a Tortona si è sottoposto a un ciclo di cure riabilitative con il preparatore atletico e a fine stagione, prima di tornare negli Stati Uniti, stava bene e era pienamente recuperato. Il general manager prosegue dicendo che la società rifirmerebbe subito il contratto con Rush ma c'è il dubbio se le sue condizioni potranno essere le stesse anche quando comincerà ad allenarsi e a giocare in continuità. Pasquali conclude dicendo che stanno cercando qualcuno che possa far chiarezza. Beh, un po' ci viene da ridere, se Rush soffre di ernia al disco, come sosteniamo da tempo (la società non ha mai chiarito quale sia il vero malanno di cui soffre il giocatore), nell'ospedale di Cesena c'è un reparto di neurochirurgia all'avanguardia, bastava portarci subito Rush, invece di farlo visitare da medici ortopedici o sportivi. L'ernia al disco, è risaputo, non viene più trattata da moltissimi anni dagli ortopedici, ma è competenza esclusiva dei neurochirurghi. Per quanto riguarda gli altri componenti, gli anziani Giachetti e Bruttini hanno accordi che prevedono possibilità di uscita sia da parte del giocatore come da parte della società, probabilmente con penali da pagare. Natali ha un contratto garantito, mentre Landi dovrebbe essere ceduto pagando un penale; così come saranno ceduti Campori e Dilas che essendo nati nel 1999 non rientrano più negli under. La società non dice nulla su Bolpin e Rodriguez, che sono entrambi con contratto in scadenza e che sinceramente sarebbero gli unici da confermare. Per quanto riguarda nuovi acquisti si è completamente nel silenzio; Dell'Agnello dice che per prima cosa bisogna pensare agli italiani, in seguito si sceglieranno gli stranieri, ma di nomi non ne fa. Anche della presunta trattazione con l'ottimo Bucarelli di Eurobasket, che a Roma dicono già conclusa, la società non comunica nulla. Insomma, una conferenza stampa basata molto sull'omertà e sul silenzio con buoni propositi di scalare fino alla massima serie il prossimo anno, ma con ancora da capire, come ha spiegato la società, perché la squadra ha fallito nei play off, dopo aver finito la regular season occupando il primo posto della classifica dall'inizio alla fine. La Pallacanestro 2015 è stata premiata dalla Lega Nazionale Pallacanestro con 12.500 euro, perché è stata la società che ha portato il maggior numero di appassionati a sottoscrivere l'abbonamento per seguire le gare della squadra su LNP Pass.