AGENZIA STAMPA MH
 

 

 

 

 

 


Forlì Basket

 

 

 

UNIEURO - STELLA AZZURRA (1).jpgUNIEURO - STELLA AZZURRA (2).jpgUNIEURO - STELLA AZZURRA (3).jpgUNIEURO - STELLA AZZURRA (4).jpg

FORLÌ VS ROMA

L'Unieuro Forlì subisce una brutta sconfitta tra le mura amiche del PalaGalassi nell'incontro con la Stella Azzurra di Roma (72 a 75). Iniziata male la partita è finita ancor peggio per la formazione forlivese. Questa volta ha salvare i biancorossi non ci sono state le prodezze finali di Kenny Hayes, anzi l'americano è apparso assente per tutto l'incontro, concludendo la sua prestazione con un misero raccolto di appena nove punti, due su otto da 2 e zero su due da 3. Una presenza sul parquet che cancella completamente le due dei precedenti incontri vinti dall'Unieuro. Una giornata da dimenticare per Hayes, resa ancor peggiore anche dalla prestazione dell'altro americano di Forlì, Jeffrey Carroll, anch'egli in giornata no, con percentuali insufficienti (due su otto da 2 e due su quattro da 3 punti). Così come i due americani, fondamentali per la vittoria finale di questa formazione, anche una parte del gruppo italiano non si è rivelato all'altezza del ruolo di squadra, cominciando da Lorenzo Benvenuti, il quale oltre a non segnare neanche un punto, è mancato anche in difesa, dove ha recuperato solo cinque rimbalzi. Come lui anche Davide Bruttini, appena 2 punti segnati e sette rimbalzi recuperati, è da iscrivere tra coloro che non hanno inciso minimamente sul risultato finale. Male anche Matteo Palumbo, un solo canestro, quattro rimbalzi e quattro assist, ma nulla di incisivo. Mediocri ma non sufficienti Nicola Natali e Riccardo Bolpin. Nel disastro totale dell'Unieuro si salvano solo capitan Jacopo Giachetti, autore di una buona prestazione con due su quattro nel tiro da 2 punti e uno su tre da 3, oltre a quattro assist, e Rei Pullazi, senz'altro il migliore dei biancorossi con un ottima percentuale, tre su cinque da 2 punti e due su cinque da 3, oltre a sei rimbalzi recuperati. Purtroppo, nel basket non deve risultare miglior realizzatore di una squadra un pivot, i canestri li devono segnare le ali e le guardie. L'Unieuro è stata principalmente punita dall'ex di turno, quel Darryl Jackson, che giocò a Forlì nel campionato 2017/2018. L'americano, ancora molto attaccato alla città romagnola, dove tra l'altro è nato uno dei suoi figli, si è reso protagonista di una vera dimostrazione di tiro al bersaglio, risultando il miglior realizzatore dell'incontro con 23 punti, fatti prevalentemente con il tiro dalla lunga distanza (50% di realizzo da 3). C'è anche da sottolineare che la Stella Azzurra ha vinto la partita pur giocando per metà tempo senza Marcius e con l'assenza totale di Rullo, due dei suoi migliori uomini. Traendo le conclusioni di queste tre prime giornate di campionato, ci si rende conto che l'Unieuro ha vinto con fatica le prime due partite con Chieti e Fabriano e ha perso in casa con Roma. Se consideriamo che Chieti e Fabriano saranno alla fine le due squadre fanalini di classifica (sulla carta sono le più scadenti) e Stella Azzurra una formazione da mezza classifica, possiamo pensare che la compagine guidata da Sandro Dell'Agnello non potrà arrivare molto in alto, rimanendo la situazione come si presenta al momento. La cronaca della partita. Gli applausi dell’Unieuro Arena cominciano quando viene omaggiato e ringraziato il personale sanitario dell’ospedale Morgagni Pierantoni, per il lavoro che quotidianamente svolge nella lotta al Covid -19 e che è ospite della Società nella gara di oggi. E poi il saluto alle ragazze della Poderi dal Nespoli – Forlì, campionesse di softball d’Italia e d’Europa. E ancora, la centesima in biancorosso di Giachetti: grazie capitano. E anche la squadra che scende in campo con la maglia “Team Franco” per fare sentire la sua vicinanza a Franco Flan dopo il grave infortunio della rottura del tendine di Achille che, dopo l'intervento chirurgico, lo terrà fermo per i prossimi sette o otto mesi. Dell’Agnello comincia con Palumbo, Hayes, Carroll JR, Pullazi e Benvenuti. Dopo i primi 5 punti ospiti, i biancorossi rispondono con i punti di Pullazi e la schiacciata da highlight su tap-in offensivo di Carroll JR. Al rientro dal timeout chiamato da Dell’Agnello dopo la schiacciata di Nikolic (7-11), l’Unieuro infila un parziale di 10-0, senza subire canestri per quasi 5 minuti: alla prima sirena il punteggio è 17-13. Segna Palumbo, poi è la Stella a segnare con continuità, rimontando, sorpassando ed allungando. La reazione biancorossa è affidata a Rei Pullazi (14 a fine primo tempo) che, con due triple e due liberi, guida il rientro Unieuro (27-32). Nell’ultimo minuto di primo tempo è il capitano a caricarsi la squadra sulle spalle: Giachetti segna 7 punti di fila, tra cui la tripla da 8 metri sulla sirena: 34-35. I primi punti del secondo tempo sono casalinghi, per il sorpasso 38-35. Ma gli ospiti reagiscono ancora con i punti dell’ex Jackson, ma la tripla di Bolpin, seguita dal “2+1” di Natali, riporta avanti i biancorossi (47-45). Segna Visintin per il nuovo sorpasso nerostellato, prima che l’Unieuro infili un parizale di 6-0 ed il terzo quarto si chiude sul 53-52. Ancora i liberi di Pullazi aprono il periodo, prima di 5 punti consecutivi di Hayes, quando la partita rimane combattuta e punto a punto. La Stella prova ad allungare (65-71), ma una tripla e tre liberi di Carroll JR accorciano ancora il margine (71-73): Roma sbaglia la rimessa, Hayes dopo la palla recuperata si butta nel traffico ma non arriva il fischio della terna. Il finale è 72-75. I tabellini delle due squadre. Unieuro Forlì: Pullazi 18 punti, Carroll JR 16, Giachetti 13, Hayes 9, Bolpin 7, Natali 5, Palumbo 2, Bruttini 2, Benvenuti 0. Stella Azzurra Roma: Jackson 23 punti, Visintin 12, Barbante 11, Marcius 8, Nikolic 7, Innocenti 6, Raspino 4, Menalo 2, Diar 2, Pugliatti 0.

 

UNIEURO FABRIANO  (1).jpgUNIEURO FABRIANO  (2).jpgUNIEURO FABRIANO  (3).jpgUNIEURO FABRIANO  (4).jpg

FORLÌ VS FABRIANO

L'Unieuro Forlì esordisce nella prima partita di campionato disputata nel casalingo PalaGalassi battendo la neo promossa Fabriano con il punteggio di 93 a 81. La formazione guidata da Sandro dell'Agnello ha condotto in vantaggio tutto l'incontro, dal primo all'ultimo minuto. Partita a razzo, la formazione biancorossa ha subito creduto di aver in mano una facile vittoria, anche considerando il pessimo esordio di domenica scorsa della squadra marchigiana. Invece, la reazione di orgoglio di Fabriano, affidata principalmente ai due americani (in particolare a Dwaine Davis) e a Patrick Baldassare, neo acquisto proveniente da Ferrara, ha portato la squadra guidata da Lorenzo Pansa ha sfiorare il pareggio, quando per un paio di volte si è trovata a soli tre punti di svantaggio. In entrambe le occasioni la reazione dei giocatori romagnoli ha però subito ristabilito la distanza di una decina di punti. I tifosi forlivesi, accorsi al PalaGalassi in circa 1.800, hanno potuto finalmente osservare la propria squadra, tifando come un tempo prima del Covid. In particolare si è potuto vedere la classe infinita di Kenny Hayes che, come a Chieti, domenica scorsa, nel finale è salito in cattedra permettendo ai biancorossi di terminare l'incontro con un tranquillo vantaggio. Ottima anche la prestazione di Jeffrey Carroll, il quale oltre agli 11 punti segnati a recuperato 4 palle e altrettanti rimbalzi, concludendo con un'ottima valutazione (22). Nel reparto italiani, molto bene per il reparto veterani, capitano Jacopo Giachetti, Davide Bruttini e Nicola Natali. Un po' in ombra Mattia Palumbo, partito a razzo nel quintetto iniziale, è poi sempre più scomparso. Male Riccardo Bolpin, in evidente giornata negativa e Lorenzo Benvenuti poco incisivi nel tiro a canestro. Buona prestazione di Rei Pullazi autore di 11 punti, 7 rimbalzi recuperati e due assist. Il commento finale di Sandro dell'Agnello: "Abbiamo disputato una prima parte della gara ai limiti della perfezione. Poi la competizione ha preso una direzione precisa e sommato al  fatto che Fabriano venisse da un esordio sottotono, abbiamo creduto che la partita fosse finita anzitempo. Invece Fabriano con i suoi attaccanti, in particolare Baldassare e i due americani, si è riportata a contatto e all'Unieuro è salita un po' l'ansia. Dobbiamo ancora migliorare". La cronaca della partita. Dell’Agnello parte con Palumbo, Hayes, Carroll JR, Pullazi e Benvenuti, e la difesa biancorossa comincia bene, generando tre palle perse ospiti. I primi 5’ sono ai limiti della perfezione per i biancorossi che, con Hayes (8 punti in 6 minuti) e Pullazi, si costruiscono il vantaggio che arriva fino al 19-4. Un canestro di capitan Giachetti e due triple di Carroll JR consentono ai biancorossi di allungare ancora, e l’Unieuro Arena esplode nell’ultima azione: stoppata di Pullazi, ribaltamento di campo e appoggio in contropiede sulla sirena di Carroll JR: 29-14 alla prima sirena. Si ricomincia con il canestro di Bruttini e 4 punti di fila di Pullazi per il 35-14, che è il massimo vantaggio. Ma gli ospiti non escono dalla partita e rientrano fino al -7 (40-33): la risposta biancorossa è immediata e guidata dalla tripla di Carroll JR e dai punti di Natali, per il nuovo +12, 50-38. A fine primo tempo, il punteggio è 50-40. L’inizio di secondo tempo vede ancora gli ospiti rosicchiare qualche punto, fino al 53-47 del 23’. Ma è in questo momento che l’Unieuro stringe le maglie difensive e, per oltre 5’, non fa segnare gli avversari dal campo; in attacco ci si affida ai veterani, che rispondono presente: 4 di Bruttini e 5 di Giachetti in un momento chiave, valgono il 64-50. Alla terza sirena, il tabellone recita 68-56. Quando si entra negli ultimi dieci e decisivi minuti, la Ristopro trova il canestro con continuità e, con i punti di Davis e Baldassarre si avvicina fino al -3 (78-75). Ma l’Unieuro che rientra dal timeout, risponde presente. Segna Hayes, Bruttini fa 2/2 ai liberi, e ancora Hayes realizza la tripla del 85-75: è di nuovo +10 a 5’ dalla fine. La difesa dell’Unieuro alza ancora la sua intensità e la rubata di Carroll Jr a 1’40’’ dalla fine, vale oro: in attacco Giachetti mette il punto esclamativo sulla vittoria con altri due liberi ed un assist (saranno 8, alla fine) spettacolare a Bruttini. Il finale è 93-81, il ritorno di “Romagna Mia” cantato dai tifosi è da brividi. I tabellini delle due squadre. Unieuro Forlì: Hayes 26 punti, Giachetti 12, Carroll 11, Pullazi 11, Bruttini 10, Natali 9, Benvenuti 6, Palumbo 4, Bolpin2, Flan 2. Ristopro Fabriano: Davis 28 punti, Baldassare 20, Smith11, Benetti 9, Merletto 8, Marulli 3, Matrone 2. Domenica prossima l'Unieuro giocherà ancora a Forlì contro la Stella Azzurra.

 

CHIETI_UNIEURO (1).jpgCHIETI_UNIEURO (2).jpg

CHIETI VS FORLÌ

Strepitoso esordio dell'Unieuro Forlì che a Chieti supera decisamente la formazione di casa Lux Basket Chieti 1974 con il risultato finale di 88 a 70. La squadra forlivese si presenta in piena forma nel comparto italiano che, praticamente senza l'apporto dei due americani, riesce a condurre l'incontro, seppur di pochi punti, fino all'intervallo lungo. In questi primi due quarti sia Carroll Jr che Kenny Hayes appaiono infatti molto inconsistenti, se non assenti mentalmente, terminando addirittura con Hayes che nemmeno tenta il tiro, mentre Carroll sbaglia molto, concludendo tutti i 40 minuti della partita con a referto solo 4 punti. In questo contesto si può comunque vedere come la pattuglia italiana dell'Unieuro sappia cavarsela anche senza l'apporto straniero, mettendo in campo la classe dei propri singoli giocatori. E finalmente si vedono le migliori qualità di giocatori che sembravano già stanchi a inizio campionato. I veterani Natali, Bruttini, Giachetti, ma anche i più giovani Palumbo, Bolpin, Benvenuti e Pulazzi, dimostrano con i fatti quando valgono singolarmente e nel complesso squadra, sfoderando una prestazione degna di nota contro una squadra che potrà dare fastidio a qualunque avversaria. Dalla metà del terzo quarto e specialmente negli ultimi dieci minuti, alla forza del gruppo italiano si unisce Kenny Hayes, che, con una prestazione degna della sua storia agonistica passata, prende in mano in prima persona l'incontro segnando 22 punti in poco più di 14 minuti, di cui 14 punti nel quarto finale. Dopo aver seguito questa partita bisogna dare atto a coach Sandro Dell'Agnello di aver preparato in pochi giorni un formazione diversa da quella osservata durante le partite eliminatorie della Supercoppa, tutte tre perse dall'Unieuro. Un cambiamento non solo fisico ma principalmente mentale che ha visto la squadra biancorossa difendere con molta più attenzione, basta notare i rimbalzi a referto dell'Unieuro, ben 44 contro i 25 recuperati da Chieti, con Palumbo che da solo ne ha presi 15, un record per un playmaker. Una partita vinta in difesa ma che ha messo in evidenza anche le buone percentuali nel tiro a canestro dei forlivesi: 65% nel tiro da due; 38% nel tiro da tre e 100% nel tiri liberi. Naturalmente alla fine dell'incontro Sandro Dell'Agnello è soddisfatto della prestazione dei suoi giocatori: "Dopo un inizio di gara più contratto che superficiale da parte nostra, mi conforta il crescendo della squadra dal secondo quarto, e questo mi fa molto piacere perché so quanto abbiamo caricato in precampionato sotto il profilo fisico. Inoltre abbiamo doppiato Chieti nei rimbalzi recuperati, queste sono certezze importanti. Inoltre siamo stati particolarmente solidi in attacco costruendo buone conclusioni. - a proseguito Dell'Agnello - Hayes ha mostrato colpi di gran classe, salendo in cattedra nel finale di partita. Tutti i componeni della squadra hanno contribuito, nelle varie fasi dell'incontro, alla vittoria finale". La cronaca della partita. Dell’Agnello parte con Palumbo, Hayes, Carroll JR, Pullazi e Benvenuti, e si comincia con i punti di Palumbo e Benvenuti, per il vantaggio biancorosso (6-10). I padroni di casa però rientrano ed infilano un parziale a loro favorevole, prima della risposta dell’Unieuro che arriva dai senatori: sul 17-10, Giachetti segna 5 punti di fila e regala due cioccolatini a Natali e Bruttini, per il sorpasso (17-19). Il finale di primo quarto è 22-24, con un canestro ancora del capitano sulla sirena. Si riparte dal canestro di Bolpin, prima di un parziale teatino firmato da Jackson ed interrotto dalla tripla di Pullazi (33-33). Negli ultimi 4 minuti di primo tempo, l’Unieuro alza il ritmo difensivo e, per oltre 4 minuti, non fa segnare gli avversari: la fotografia del quarto, è la rubata difensiva di Bruttini, che porta al contropiede condotto da Giachetti e finalizzato da Carroll JR. All’intervallo, è 36-41. È ancora una tripla di Pullazi ad aprire il quarto e, come successo nel secondo periodo, la Lux rientra (45-46): ma è qui che vengono fuori il talento e la consapevolezza dei biancorossi che reagiscono e, con Palumbo, Hayes e un movimento dei suoi di Bruttini, trovano il +10 (45-55). Hayes segna ancora, Bolpin lo segue a ruota ed alla fine del terzo periodo il punteggio è 54-60. Hayes e Bolpin sono i mattatori biancorossi anche nei primi minuti del quarto: sono loro a segnare canestri importanti, sia per mantenere il vantaggio, sia per evitare che il rientro casalingo possa diventare realtà (64-74). Il numero 19 biancorosso segnerà 16 punti nel quarto (22 totali, tutti nel secondo tempo) e la tripla di Pullazi a 5’ dalla fine, vale oro ed il 66-82. Negli ultimi minuti i biancorossi sono bravi a controllare il vantaggio ottenuto, ed il finale è 70-88: è la prima vittoria in campionato. I tabellini delle due squadre. Unieuro Forlì: Hayes 22 punti, Bolpin 12, Natali 11, Pullazi 11, Benvenuti 9, Palumbo 8, Giachetti 8, Carroll JR 4, Bruttini 4. Lux Basket Chieti 1974: Tsetserukou 14 punti, Jackson 12, Dincic 11, Meluzzi 10, Amici 10, Rebec 7, Woldentansae 3, Graziani 3, Bartoli 0. Domenica prossima l'Unieuro esordirà tra le mura amiche del PalaGalassi nell'incontro con al neo promossa Fabriano. La Pallacanestro 2015 ha ringraziato i tifosi per aver già concluso l'acquisto dei mille abbonamenti messi in vendita presso al sede societaria.

 

PRESENTAZIONE HAYES (2) (2).jpg

PARTE IL CAMPIONATO

Alla vigilia dell’esordio in campionato contro Chieti (PalaTricalle, ore 18:00), questa mattina coach Sandro Dell’Agnello ha presentato la partita. "La vera novità è il fatto che torneremo finalmente a giocare con il pubblico, e questo per tutti noi è uno stimolo in più e motivo di enorme gioia. Passando al campo, a poco più di un mese dall’inizio dei lavori, il livello tecnico delle squadre è molto livellato, costellato di alti e bassi, e non ancora definito: l’equilibrio e i risultati a volte sorprendenti del precampionato e della Supercoppa lo hanno dimostrato. Da parte nostra, la parola d’ordine è crescere, e lavoriamo ogni giorno in palestra per farlo e migliorarci, preparando al meglio possibile l’esordio a Chieti. Come previsto, abbiamo fatto una settimana di lavoro di scarico e abbiamo visto miglioramenti sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista tecnico. In generale, siamo fiduciosi di andare a Chieti per giocare una buona partita. - ha continuato Dell'Agnello - In settimana Chieti ha inserito un nuovo giocatore e, quindi, avranno caratteristiche diverse dalle gare giocate in Supercoppa. Mi sembrano una squadra molto briosa, che supponiamo cercherà di tenere alti i ritmi della partita. Dovremo essere bravi a negare canestri facili, anche per giovarne in fase offensiva: difendendo forte, catturando un rimbalzo, rubando un pallone, saremmo ovviamente avvantaggiati, anche psicologicamente, nel provare a correre in attacco e nel giocare in velocità". Molto prudente la previsione di capitan Giachetti sul risultato finale della partita: "Sappiamo che sarà una partita difficile, perché l’inizio in campionato è sempre complicato e giocheremo contro una squadra ben attrezzata che vorrà dire la sua in questo campionato. Noi veniamo da un grande lavoro fatto in preparazione, e faremo di tutto per iniziare con il piede giusto". Chiara l'opinione di Massimo Maffezzoli, allenatore di Chieti: “Forlì è una squadra fisica, profonda, fondamentalmente sulla carta non presenta punti deboli. Ha una coppia di stranieri eccellente, hanno tante individualità importanti che però vogliono strutturare all’interno di un sistema di squadra. Non solo i loro due americani ma anche il loro pacchetto italiani è sicuramente validissimo per la categoria. Dall’analisi di quelle che sono le loro situazioni, noi cercheremo di metterli in difficoltà e creare un vantaggio per noi: servirà sicuramente una prestazione di alto profilo per giocare contro Forlì che ha, un po’ come in tutte le stagioni, obiettivi importanti per questo campionato”. Intanto venerdì la società forlivese ha presentato Kenny Hayes, nella foto, l'americano che con la sua esperienza e la sua buona mira dovrà guidare la formazione bianco rossa. Hayes ha ringraziato la società che ha creduto in lui, dichiarando: "Sono carico per questa nuova sfida della mia carriera. Siamo una bella squadra, fatta da giocatori di grande personalità, e tra di noi si sta creando un bell’amalgama: nello spogliatoio scherziamo e ci divertiamo, ma durante gli allenamenti lavoriamo duro per cercare di migliorare e crescere da qui in avanti. - ha proseguito Kenny - Appena sono arrivato, ho chiesto i filmati di come giocava Forlì l’anno scorso e di come giocano i miei compagni che non erano qui: per me è come fare i compiti a casa… Li ho studiati per conoscerli meglio, e per cercare di riportare sul campo quello che ho visto, con l’obiettivo di adattare anche il mio gioco sulla base delle loro caratteristiche. Ho tre figlie e appena riesco faccio in modo di essere in contatto con loro, dedicandogli il mio tempo con telefonate e chat. Per il resto, sono un ragazzo molto tranquillo, ma più di ogni altra cosa mi sento un papà”. La Pallacanestro 2015 ha intanto messo in vendita i biglietti per la seconda partita di campionato che Unieuro disputerà a Forlì, nel PalaGalassi, domenica 10 ottobre, contro Fabriano; biglietti che non saranno acquistabili prima della partita alla biglietteria del palazzetto.

 

PRESENTAZIONE CASTROCARO (2).jpg PRESENTAZIONE CASTROCARO (3) (2).jpgPRESENTAZIONE CASTROCARO (4).jpgPRESENTAZIONE CASTROCARO (5) (2).jpg

SERATA DI FESTA

Pallacanestro 2015 ha presentato, durante una serata presso il Grand Hotel di Castrocaro Terme, l'intera nuova formazione che, con il nome di Unieuro, disputerà il prossimo campionato di basket di Serie A2, Girone Rosso. Una tradizione che, da diversi anni a questa parte, anticipa l’esordio in campionato dei biancorossi. Quest’anno, l'allegra serata è avvenuta in maniera un po’ diversa e con un tocco di novità; accanto alla squadra c’erano anche i ragazzi del settore giovanile, che hanno portato entusiasmo, gioia e tanti sorrisi. È stata una serata nella quale la grande famiglia biancorossa ha avuto modo di ritrovarsi, presenti i Soci della Fondazione, lo staff ed il roster della Serie A, insieme ai partner che sostengono la realtà forlivese di pallacanestro e i rappresentanti delle squadre giovanili, che con simpatia ed esuberanza hanno interagito con i giocatori della serie A2, con domande scherzose e divertenti. Nel corso della serata è intervenuto anche il Vicesindaco di Forlì, con delega allo sport, Daniele Mezzacapo al quale vanno i ringraziamenti della Società. A fare il punto sulla realtà biancorossa sono stati poi il Responsabile Marketing Andrea Balestri, e con lui il Presidente dell’attività giovanile, Riccardo Pinza, ed il responsabile tecnico del settore giovanile Lorenzo Gandolfi. BackToLive si è poi conclusa con le significative parole del Presidente della Pallacanestro 2.015, Giancarlo Nicosanti. La serata è poi continuata con la cena nello splendido “Salone Piacentini” del “Grand Hotel di Castrocaro – Long Life Formula”.La Società forlivese ringrazia la dottoressa Lucia Magnani, AD Long Life Formula, per la preziosa ospitalità e gentilezza, riservata in questa occasione.

 

 

Campionato_calendario.jpg

CALENDARIO UNIEURO

La Lega Nazionale Pallacanestro ha reso noto il calendario della stagione regolare di Serie A2 Old Wild West – 2021/2022. Un campionato con 26 partite di regular season, senza più turni infrasettimanali o giornate di riposo essendo tornati i due gironi, Rosso e Verde, entrambi a 14 squadre, e che si concluderà il 10 aprile per poi aprire le porte, da regolamento, a una fase ad orologio di 4 gare che terminerà l'1 maggio. Un torneo che si interromperà due volte: per la pausa natalizia dal 20 dicembre al Primo gennaio e per le Final Eight di Coppa Italia che si disputeranno dall'11 al 13 marzo. Soprattutto sarà il campionato del ritorno del pubblico sugli spalti, anche se in misura del 35% delle capienze dei palasport e l'Unieuro è pronta a riabbracciare i propri tifosi e ad assorbirne tutto il loro calore. Come già anticipato da Lnp nella giornata di ieri, la Pallacanestro 2.015 esordirà in trasferta sul campo della Lux Chieti, poi avrà due appuntamenti consecutivi all'Unieuro Arena alla seconda e terza giornata. La prima possibilità di tornare ad applaudire i biancorossi è in calendario per domenica 10 ottobre contro la neopromossa Ristopro Fabriano. Si tratta di un ritorno di un duello sportivo molto sentito da due piazze storiche del basket italiano e che in passato ha portato la pallacanestro forlivese a scrivere pagine ancor oggi memorabili per tutti i suoi sostenitori. Le partite di cartello arriveranno ben presto: a Verona il 24 ottobre con ritorno a Forlì il 30 gennaio 2022, con Scafati e tanti “ex” da una parte e dall'altra, in casa il 14 novembre e la settimana successiva il derby emiliano-romagnolo a Ferrara, con ritorno all'Unieuro Arena il 27 febbraio 2022. La “rivincita” degli ultimi play-off con l'Eurobasket Roma, poi, è in programma in anticipo sabato 11 dicembre nella capitale, mentre a Forlì si giocherà il 27 marzo dell'anno prossimo. Gran finale del campionato con il derby con Ravenna, all'ultima giornata che si gioca per tutte in contemporanea, andata in casa giallorossa il 2 gennaio per dare il benvenuto al 2022 e ritorno al Palagalassi forlivese  il 10 aprile.